Impossibile spegnere questa sveglia senza alzarsi veramente

Articolo pubblicato il 10/02/2016 - Novità

Non si può barare con Ruggie, la sveglia senza il tasto snooze che obbliga chi la utilizza ad alzarsi dal letto e metterse in piedi per poterla spegnere, anche se è messa in fondo al letto.

Ci sono delle mattine in cui a malapena ci rendiamo conto di schiacciare il tasto snooze della sveglia, rinviando l'inizio della giornata di qualche minuto. Ma quando poi ci svegliamo veramente, la giornata inizia a tutta velocità. Ad alcune persone questo non capita mai. Per altre, questo è un flagello con delle conseguenze nella vita di tutti i giorni, a meno che non si abbiano un padrone, dei clienti o dei professori comprensivi.

Dopo aver testato molte soluzioni per risolvere questo problema mattutino senza alcun risultato, Winson Tam ha creato Ruggie, una sveglia molto esigente e senza possibilità di compromesso, a meno che non si abbia il sonno molto pesante. Simile a una bilancia morbida posta al lato del letto, questo apparecchio smette di suonare solamente quando rileva la presenza dell'utilizzatore sulla sua superficie. Ma tirare fuori la punta del piede per appoggiarla sulla sveglia non sarà sufficiente. La sveglia dovrà sentire il peso del corpo sulla superficie per almeno 3 secondi per potersi spegnere. Da notare che questo lasso di tempo può essere aumentato per avere la sicurezza di essere davvero svegli. Una volta appoggiati i piedi a terra, allora è più difficile tornare a distendersi e il grosso del lavoro è fatto. E per ricompensare ogni successo, la sveglia emette un suono scelto e configurato dall'utente.

Dopo aver lanciato una campagna di finanziamento su Kickstarter, il creatore di Ruggie si è dovuto rendere conto che non era affatto l'unico ad avere delle sveglie, alla luce dell'importo raccolto. In meno di 15 giorni, il progetto ha raccolto più di 179 000 $ contro i 50 000 previsti e dovrebbe quindi essere immesso sul mercato entro la fine del 2016.

Articolo scritto da Cécile Lessard
Vi sono piaciuti? CONDIVIDETE: